rumori fastidiosi

Rumori fastidiosi, sentenze e stato dell’arte

Quello dei diverbi tra vicini a causa di rumori fastidiosi è una realtà di vecchia annata. Per questo la giurisprudenza è stata molto proficua in questo settore. Arrivando a stabilire quando si può realmente definire un rumore tollerabile. Ne parliamo oggi con Sicurya.

Continua a leggere
tempo di riverberazione

Tempo di riverberazione: elemento di progettazione acustica

Il tempo di riverberazione è una delle caratteristiche peculiari che definiscono le condizioni acustiche di un ambiente chiuso. Per la corretta progettazione, infatti, non si può prescindere da una sua stima più o meno accurata. Vediamo nel seguito di cosa si tratta.

Continua a leggere
rumore

Rumore: il gestore può essere ritenuto responsabile?

Il gestore di un locale può essere chiamato a pagare le conseguenze del rumore generato all’esterno del proprio locale. La Corte di cassazione con la sentenza n. 28570/2019, depositata lo scorso 2 luglio, pone il principio per il quale il rumore può risultare molesto.

In particolare per quello prodotto dagli avventori di un locale pubblico, deve essere considerato responsabile il gestore o il proprietario dello stesso. La pronuncia riguarda fatti dibattuti e che si verificano spesso nella realtà sociale. Questi più volte hanno dato luogo a decisioni di diverso segno circa l’effettiva ripartizione delle responsabilità.

Continua a leggere
rumori molesti

Rumori molesti, il blocco dell’attività non è obbligatorio

Rumori molesti dall’officina, non sempre la soluzione è il blocco dell’attività. Il giudice deve sempre precisare il perché della sua scelta.

Lo ha affermato la Cassazione (sentenza 19434/2019) riformando una sentenza. Tale sentenza riguardava il titolare di una officina per revisione auto ed il manifestarsi di accertati rumori molesti oltre soglie di tollerabilità. Il titolare era stato condannato alla inibizione della propria attività e al risarcimento dei danni arrecati nei confronti del proprietario dell’immobile sovrastante.

Continua a leggere