scavi di sbancamento

Scavi di sbancamento, come lavorare in sicurezza

Per scavi di sbancamento, scavo di splateamento o in sezione ampia o sterri. Si intendono gli scavi aventi la larghezza preponderante rispetto alla profondità dello scavo. Quali sono i rischi? vediamoli insieme.

Le caratteristiche degli scavi di sbancamento

In questo tipo di scavi la sezione è sufficientemente ampia da consentire l’accesso ai mezzi di trasporto sino al fronte di scavo. Sicché il materiale scavato viene caricato direttamente sui mezzi di trasporto. In genere si ricorre a questi tipi di scavo quando è necessario eseguire scavi su una vasta superficie quali quelli per lo spianamento o sistemazione del terreno.

I diversi tipi di scavo

Questi scavi si differenziamo ad esempio dagli scavi a sezione ristretta o obbligata. Con tale termine si intendono di solito gli scavi aventi la larghezza uguale o inferiore all’altezza, eseguiti a partire dalla superficie del terreno naturale o dal fondo di un precedente scavo di sbancamento, sempre che il fondo del cavo non sia accessibile ai mezzi di trasporto.

Più in particolare, per scavi a sezione obbligata si intendono quelli scavi con dimensioni vincolate in cui la lunghezza e la larghezza sono inferiori alla profondità. Ad esempio gli scavi di fondazione. In genere si ricorre a questo tipo di scavo per la realizzazione delle fondazioni a plinto o a trave rovescia.

Queste sono le due principali famiglie di scavo aperto. A voler essere precisi gli scavi di sbancamento e quelli di splateamento differiscono tra loro per un piccolo dettaglio tecnico. Mentre gli scavi di sbancamento sono svolti su una superficie pianeggiante, quelli di splateamento consistono in una modifica dell’ andamento naturale del terreno.

Per le varie attività di scavo possono essere usati mezzi meccanici quali macchine movimento terra adeguati alla tipologia di scavi e alle opere di scavo. Dunque in funzione dell’opera da realizzare si effettuerà il tipo di scavo più idoneo. Evidentemente uno scavo per la posa di sotto servizi non potrà essere uguale ad uno scavo per la realizzazione di fondazioni.

Le norme di sicurezza per la realizzazione di scavi di sbancamento

Il testo unico in materia di sicurezza non prevede molte regole da seguire ad eccezione di alcuni articoli. Partendo dalla valutazione dei principali rischi che ci sono. Sostanzialmente dovuti a:

  • delimitazione del ciglio di scavo;
  • trasporto e discesa delle macchine degli automezzi di trasporto;
  • stabilità del fronte di scavo;
  • seppellimento degli operatori;
  • sicurezza dei lavoratori a terra.

Quali misure di sicurezza?

Chiaramente per ognuno di questi fattori deve essere adottata la relativa soluzione. Il D.Lgs 81/2008 dall’art. 118 al 121 fornisce indicazioni sugli scavi. Proprio in relazione agli scavi di sbancamento o splateamento si prevede che:

  • Anzitutto si prevede che nei lavori di splateamento o sbancamento, se previsto l’accesso di lavoratori, le pareti delle fronti di attacco devono avere una inclinazione o un tracciato tali, in relazione alla natura del terreno, da impedire franamenti;
  • Quando la parete del fronte di attacco supera l’altezza di 1,5 metri è vietato il sistema di scavo manuale per scalzamento alla base e conseguente franamento delle parete;
  • Quando per la particolare natura del terreno o per causa di piogge, di infiltrazione, di gelo o disgelo, o per altri motivi, siano da temere france o scoscendimento, deve essere provveduto all’armatura o al consolidamento del terreno;
  • Nei lavori di escavazione con mezzi meccanici deve essere vietata la presenza degli operai degli operai nel campo di azione dell’escavatore e sul ciglio del fronte di attacco;

Si ricorda inoltre che è vietato costituire depositi di materiali presso il ciglio degli scavi. Qualora tali depositi siano necessari per le condizioni del lavoro, si deve provvedere alle necessarie puntellature.

Rimandiamo alla lettura degli articoli ed a successivi articoli approfondimenti sul tema. Concludiamo come sempre invitandovi a registrarvi alla nostra newsletter sicurezza per rimanere sempre aggiornati sulle varie attività e novità.